ANTICA ROCCA: UN NECESSARIO CHIARIMENTO

Premetto che, nei tempi duri del Corona virus, ci siamo chiesti se è opportuno mantenere attiva l’informazione sulle questioni storico/culturali soncinesi; volevamo almeno aspettare qualche tempo, in attesa di aria migliore; un recente articolo, apparso sulla provincia di ieri sull’Antica Rocca, ci impone però di essere molto chiari sulle nostre ricerche e sulle nostre eventuali modalità operative;  noi non abbiamo, e neppure ci sogniamo, di possedere alcun titolo sulla gestione di aree che riguardano solo i legittimi proprietari delle stesse in zona antica rocca, e il chiarimento si impone dunque solo perchè abbiamo avuto sentore di non poco allarme da parte delle proprietà. 

Di questa antica rocca sappiamo pochissimo, e siamo sostanzialmente a conoscenza solo di quanto il nostro massimo storico conte Francesco Galantino ci ha magistralmente lasciato già un secolo e mezzo fa (tre volumi documentatissimi); di sicuro la posizione dell’antico fortilizio era all’estremo sud orientale dell’attuale cinta muraria, verso Orzinuovi.

ZonaAnticaRocca

La domanda è:

perché gli AdR sono interessati a questo argomento?
Forse perché pensano che il sito possa diventare un’attrazione turistica?
ASSOLUTAMENTE NO! LO ESCLUDIAMO.

No perchè:

primo, lo riteniamo impossibile, visto che si tratta di proprietà private e in parte edificate;

secondo, perché quella zona non avrebbe alcun richiamo turistico, dato che probabilmente si potrebbero ritrovare, dopo onerosi scavi, solo qualche resto di muri e fondazioni e di eventuali cunicoli… e noi a Soncino abbiamo già ben altro da mostrare, a partire dalla nostra imponete cerchia muraria, per non parlare di rocca, chiese, ecc…;

terzo, perché già il comune soffre pesanti carenze di risorse per manutenere mura e rocca, figuriamoci se possiamo permetterci onerosissimi investimenti per demolizioni di edifici privati, espropri, scavi, formazioni di accessi non si sa da dove, ecc…; in questo caso sarebbe veramente inconcepibile.

IL NOSTRO SCOPO è invece quello di riuscire a rintracciarne i resti sommersi attraverso innocui sondaggi geoelettrici, in modo da identificare, anche solo parzialmente, la pianta dell’edificio ed offrirne a tutti, via web o su pubblicazioni,  una ricostruzione virtuale la più attendibile possibile.
Sarà una ricostruzione in 3D di grande effetto, che non si fermerà solo all’antica rocca, ma anche alla primissima cerchia del primo vero nucleo abitativo di Soncino.
Ci avvarremo di software molto avanzati per le ricostruzioni degli edifici, ma anche di tecniche GIS per la corretta modellazione orografica del territorio, in modo da disporre di dati scientifici precisi che rafforzeranno ancor più le nostre elaborazioni grafiche.

Questo è tutto, e speriamo di aver placato il comprensibile allarme dei legittimi proprietari, visto che appaiono evidenti i motivi per cui crediamo che nessuno possa mai ipotizzare di effettuare scavi o altro senza il loro permesso, e comunque noi mai certamente! Speriamo anche che non sia stata compromessa la loro disponibilità a concederci  di effettuare le nostre innocue prospezioni geoelettriche, che hanno il solo fine di offrire a tutti i soncinesi una fedele rappresentazione di un monumentale tassello della loro storia.

Con l’augurio che al più presto si torni a postare in tempi meno critici,  vi saluto cordialmente.

A nome del Consiglio Direttivo

Mauro Belviolandi

All. : articolo di ieri de’ La Provincia

RossiAnticaRoccaDemolizioni

2 risposte a "ANTICA ROCCA: UN NECESSARIO CHIARIMENTO"

  1. I letamai e le porcilaie eventualmente presenti tra le case di Soncino sono segno di una civiltà semplice ed onesta che non ci è più dato di osservare in luoghi apparentemente “qualificati”, quanto espressione di una sottocultura architettonica e sociale deprimente.
    Sono sicuro che i Soncinesi più intelligenti forniranno, a chi cerca di eseguire una ricostruzione storica il più possibile analitica, un gran numero di dettagli osservati nelle loro amate abitazioni e che potrebbero essere segno importante per ricostruire l’antica situazione: uno strano arco, un gradino, un pezzo di muro non consueto, un disallineamento incomprensibile una finestra in posizione apparentemente non giustificata. Delle strane pietre in un cortile, racconti di vecchi, dicerie.
    Tutto può essere utile per capire, pur ovviamente col massimo rispetto di ciò che esiste ora che è altrettanto bello.
    Grazie Amici della Rocca.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.