QUIZ 04 – SOLUZIONE CON VIDEOCLIP

Sempre più difficile… ma anche stavolta qualcuno ha mostrato un occhio superlativo: Giuseppe Casagrande ha indovinato in pieno, senza il minimo aiuto; ma affidiamo a questo brevissimo video di pochi secondi, montato dalla nostra Paola,  la spiegazione del luogo.

Come indicato da Giuseppe, si tratta dell’estremo sud di via Orfani, all’intersezione di via della Valle, a pochi passi dal bar del Rivellino.

Come si poteva capire? Oltre alla conformazione delle porte e delle finestre, la chiave della soluzione mi pare possa essere questa grata…

E’ un’inferriata molto grande e particolare, non ce ne sono altre a Soncino, e da tempo immemore è presente a dar luce a un suggestivo scantinato; la stessa grata si intravede sotto il braccio della nostra Babi, involontaria modella, che pare quasi consapevole di prestare la sua giovane ed elegante bellezza a una foto che, a distanza di quasi 60 anni, ancora ci lascia ammirati.

Complimenti dunque a Giuseppe Casagrande: sarà lui a contendere a Tita Cavalli, per ora l’Amico più accreditato, il premio che verrà conferito nell’assemblea di fine anno?… staremo a vedere.

Buona domenica a tutti,

Mauro Belviolandi

 

 

 

Annunci

QUIZ 04 – DUE SPLENDIDE RAGAZZE… MA DOVE???

“Ma quando proponete il Quiz n°4???”

…bene, eccoci qua!

Babi-Amica

Un’eleganza d’altri tempi,  ed un mix di serenità e spensieratezza sembra trasparire dall’immagine di queste due belle ragazze soncinesi… non si tratta certo dei nostri giorni, ma i luoghi, quasi intatti, sono ancora sotto i nostri occhi… MA DOVE SIAMO DI PRECISO?????

Rispondete sotto, nei commenti, potete fare anche tutti i tentativi che volete… contano solo le risposte giuste!

Teniamo aggiornata la classifica delle risposte ai quiz, c’è già chi avanza alla grande… ma la corsa avrà molte tappe… e bisogna vedere alla fine!

——————————————–

Ricordiamo quanto scritto in precedenza:

Dovete scrivere le risposte nei commenti a questo nostro post, in fondo a questa pagina; potete anche porre delle domande, per essere aiutati… Non sono ammesse risposte sui social (facebook, ecc…) perchè ci sarebbe solo confusione per la loro dispersione nei vari siti.

Il luogo deve essere identificato con precisione; per esempio, se si trattasse di una foto sul lumachino, non sarebbe valido dire “siamo in rocca, o al castello”, oppure “su una torre del castello”… capito? 🙂

La soluzione del quesito verrà pubblicata fra un po’ di tempo, indipendentemente dal fatto che qualcuno abbia risposto correttamente o meno; grazie ad antiche foto, mostreremo meglio il luogo dove è stata scattata, ed anche la stessa zona ai nostri giorni; in ogni caso faremo i complimenti alle persone che un po’ ci avranno preso… o che avranno perfettamente indovinato.

Buon divertimento!

RESTAURO PORTONE OK… E VIDEO CON FINALE PICCANTE

Il restauro del portone della rocca è terminato, tranne alcuni pezzi di ferramenta non essenziali, che verranno tagliati e lavorati a cura di Beppe Brescianini  e Franco Perotti, oltre al famoso battaglio appannaggio di Eros Martinelli; il tutto sarà montato a luglio.

Come è andata? questi 3 minuti di filmato, con finale piccante, dicono tutto!

Noi ce l’abbiamo messa tutta, speriamo che si capisca che un bene pubblico, oltre che storico, vada rispettato… a cominciare dalle affissioni con puntine!

Un grazie calorosissimo al gruppo di restauro degli Amici della Rocca, guidato da Clotilde Grazioli e Beppe Brescianini, e ai validissimi collaboratori Franco Maina, Serena Soldo, Giuliana Bertani e Anna Commendulli.

Alla prossima

Mauro Belviolandi

L’ANELLO MANCANTE: LA SFIDA DI EROS MARTINELLI

Riuscirà Eros Martinelli a reggere il confronto con gli storici maestri del ferro battuto soncinese? Si tratta di gente del calibro di TorrianiGasparini e Patronaggio, grandissimi artisti del secolo scorso, ma anche dello stesso Valerio Martinelli che ci ha lasciati solo qualche anno fa, padre di Eros e di Demis,…

ErosInAnello

Gli Amici della Rocca, che stanno ultimando il laborioso restauro del portone, hanno forse trovato il sistema per far ricostruire il secondo battaglio, che un tempo pendeva a fianco del gemello, ad ornamento dello storico ingresso: hanno lanciato al giovane mastro ferraio soncinese una sfida molto più insidiosa di quel che sembra; infatti a prima vista sembra un lavoro sì difficile, ma non impossibile… in realtà non è proprio così!

Si tratta di partire da 3 tondini di lunghezza incognita, portarli a incandescenza per poi batterli e appuntirli progressivamente fino a raggiungere una certa lunghezza, pure incognita; poi si devono battere  assieme le  estremità incandescenti fino a fonderle in un unico pezzo; quindi bisogna torcerli tutti e tre, uno sull’altro, con passo d’elica variabile, ma nello stesso tempo devono anche piegarsi fino a formare una sorta di circonferenza un po’ schiacciata, cioè di diametro variabile, e anche lo spessore della treccia varierà lungo lo sviluppo; e  qui sorge il problema più difficile: mentre gli antichi artigiani potevano preparare prima tutti e sei i tondini uguali, e quindi  non erano vincolati a una forma e a una dimensione prestabilita, quel che veniva veniva, per Eros è assai più difficile perchè deve anche studiare il modo per cui, alla fine di tutte quelle complesse operazioni, l’anello, ripiegato e unito agli estremi, risulti molto simile a quello esistente… LA SFIDA E’ APERTA E A LUGLIO VEDREMO!

DueAnelli

…e se Eros vincerà la sfida vorrà dire che quell’anello mancante sarà metafora di una catena che  unisce una gloriosa tradizione a un rassicurante futuro.

Intanto il lavoro degli Amici della Rocca prosegue alla grande; sotto la guida di Clotilde Grazioli per le parti lignee, e di Giuseppe Brescianini per connessioni, chiodature, catenacci in ferro, ecc…, i lavori proseguono con buon ritmo grazie anche a Franco Maina, Serena Soldo, Giuliana Bertani e Anna Commendulli. Collaborano col gruppo anche artigiani locali, oltre a Eros anche Graziano Fanelli e Gabriele Alchieri, a riprova che quando si mettono in moto energie positive la parola contaminazione sa assumere il suo significato migliore.

Alla prossima,

Mauro Belviolandi

 

ECCEZIONALE VERAMENTE… IL NOSTRO VICEPRESIDENTE!

Immaginate il 27 e il 28 del mese di marzo ultimo scorso… immaginate di essere in una modernissima città dell’Arabia Saudita affacciata sul Golfo Persico, Al Khobar ad esempio…

immaginate di essere in un super hotel da capogiro, diciamo il Kempinski Al Othman Hotel

kempinski

…immaginate anche una immensa sala convegni dove la più importante compagnia petrolifera al mondo, la Saudi Aramco (Saudi Arabian Oil Company), organizza una conferenza che raccoglie il contributo delle maggiori eccellenze tecnologiche esistenti sul pianeta, ad esempio Siemens, General Electric, Schneider Electric, Kaspersky

Ecco, appunto, qui sta l’eccezionale; immaginate infatti che fra tanti giganti, tutti con fatturati di qualche miliardo di dollari, avvenga che al tavolo dei relatori prendano la parola due ragazzi italiani della  Divisible Global, una azienda di sviluppo focalizzata sull’intelligenza artificiale, fondata e diretta dal nostro vicepresidente Michele Grazioli, 23 anni: bella soddisfazione direte voi! Ma non è finita…

MicheleGustavo

da sinistra, Gustavo Klaebisch e Michele Grazioli

Immaginate che, fra i tanti titolatissimi relatori, l’attenzione di tutti venga rapita proprio dagli algoritmi predittivi elaborati dai nostri ragazzi, che hanno lasciato di stucco tutte le aziende; da quel momento in poi la pressione sulla Divisible Global è diventata fortissima, tanto da trovarsi come in una situazione “capovolta”, non saprei se definire invidiabile; per dirla con le parole di Michele: “…al momento, vari player del settore si contendono la nostra partnership e valuteremo con chi collaborare sulla base della visione, più che del mero aspetto economico. Abbiamo puntato sulla concretezza, e mi ha stupito quanto queste realtà si siano riviste nel nostro discorso. Condividiamo con loro la consapevolezza di quanto sia importante essere un passo davanti agli altri e decideremo con chi rapportarci in termini di sintonia aziendale sul lungo periodo”… parole sagge, parole sagge, non c’è dubbio.

Rafforza il concetto l’amico e socio Gustavo Klaebisch: “Oltre all’onore di poter condividere il palco con aziende di altro volume di affari rispetto al nostro, va detto che il Medio Oriente rappresenta un mercato in forte crescita e molto sensibile alla centralità dei dati. Gli investimenti sugli strumenti di analisi sono visti come strategici per la generazione di valore. Insomma, un deciso passo in avanti in quella che riteniamo essere la giusta direzione per il nostro processo di internazionalizzazione”

MA DI CHE SI TRATTA???

Lasciamo ancora la parola a Michele: “Il nostro intervento verteva su come la correlazione causale possa essere la base per la creazione di framework molto più efficaci degli attuali per fare manutenzione predittiva. In questo modo si può capire in anticipo quando e in che misura ogni componente di un impianto avrà dei problemi con precisione maggiore. Permette dunque di capire quando un macchinario andrà in fermo o si romperà, e in questo modo si possono prendere tutte le misure precauzionali necessarie per evitare problemi”.

Ok, intelligenza artificiale, tecnologie d’avanguardia, algoritmi matematici complicatissimi… però non si tratta certo di novità, mi vien da obiettare, senza voler certo sminuire…; ma  mi viene in aiuto ancora Michele: “…il  punto di forza della nostra soluzione è l’utilizzo di una rete neurale proprietaria che definiamo “white box”. Questa soluzione è volta a risolvere la problematica principale delle reti neurali odierne. Infatti, quest’ultime sono affette dalla cosiddetta “black box”, una tipologia di analisi che non permette di comprendere le relazioni che intercorrono tra le variabili “input” in oggetto. Ne consegue che diventa difficile, se non impossibile, capire quando il sistema sbaglia perché bisogna semplicemente fidarsi. La nostra rete neurale è in grado di ricostruire il processo che il sistema ha effettuato per arrivare alla conclusione, con evidenti benefici di comprensione e trasparenza del risultato”.

E in impianti che macinano milioni di dollari in brevi periodi, aggiungo io, direi proprio che capire i guasti prima che avvengano e con capacità predittive molto superiori allo standard attuale, non deve essere cosa di poco conto.

Termino osservando che mentre Michele ha fondato e sviluppato in un tempo brevissimo questa azienda d’avanguardia, ha anche trovato il tempo di laurearsi alla Bocconi, ed ora, giusto per non annoiarsi, nei ritagli di tempo, sta seguendo un corso executive in intelligenza artificiale al MIT (USA), il Massachusetts Institute of Technology, una delle più importanti università di ricerca del mondo; qualche volo in America per superare i non pochi esami, e in breve tempo, come al solito, si ritroverà in tasca un altro biglietto da visita, non proprio secondario direi!

A nome di tutti gli Amici della Rocca, non ci resta che complimentarci caldamente col nostro Michele e con i suoi famigliari e augurargli di proseguire alla grande su questo suo cammino tanto promettente; noi gli siamo anche debitori, perchè Michele è molto legato a Soncino (oltre a Gallignano, la nostra massima frazione, dove risiede); ci sta anche aiutando nella messa a punto del nostro nuovo sito degli Amici della Rocca, che attiveremo fra qualche mese; col suo drone ci divertiamo anche a riprendere gli scorci più importanti del nostro Borgo, con cui arricchiremo il progetto Soncino Tour.

Alla prossima,

Mauro Belviolandi

maumich

 

Era un portooone – molto cariiino…

[NB: IMPORTANTE SEGNALAZIONE SULLA PRIVACY IN CODA A QUESTO ARTICOLO]

Sì non era male il portone della rocca, quando gli allievi della scuola soncinese di falegnameria lo misero assieme… la stessa scuola che ha costruito il ponte levatoio… mica male davvero! Come ci segnala il nostro maestro Franco Occhio, pare che sia il portone, che il ponte levatoio, siano stati sistemati e ricostruiti nel 1973 grazie al contributo lasciato dalla produzione del film “Marco Visconti” con Raf  Vallone, realizzato per la televisione italiana.

Port01

Il minimo che possiamo fare è conservarlo in salute, no? Ecco perchè un gruppo di Amici della Rocca, coordinati da Clotilde Grazioli, hanno pensato bene di restaurarlo…

Port03Port02

Non è proprio una passeggiata, ci vorrà un po’ di tempo, ma intanto, come si può notare, già si intravede qualcosa allo scadere del primo giorno…

Port04

Alla prossima,

Mauro Belviolandi

NB: LE LEGGI SULLA PRIVACY DIVENTANO STRINGENTI: PREGHIAMO CHI DESIDERA RICEVERE ANCORA LE NOSTRE INFORMAZIONI, DI SCRIVERCI UNA MAIL CON LA SEMPLICE FRASE “DESIDERO RESTARE/ENTRARE NELLA VOSTRA MAILING-LIST, firmato NOME E COGNOME” indirizzato a amicidellaroccasoncino@gmail.com

FRA UNA QUINDICINA DI GIORNI SAREMO COSTRETTI A TOGLIERE DALLA MAILING LIST LE PERSONE CHE NON NE HANNO FATTO SPECIFICA RICHIESTA, E QUESTO CI DISPIACE MOLTO – CHI E’ NEL DUBBIO DI AVERLA GIA’ INVIATA, NON ESITI A RICHIEDERLA LO STESSO… MEGLIO ABBONDARE CHE MANCARE.