Maria Zuccotti, 99 anni, viva e vegeta, ci dona alcune preziose testimonianze; la “spera dè i öff” è la prima: si tratta dell’importante selezione delle uova che venivano covate dalla chioccia (se avevano “èl cal” erano fecondate, se no erano “gnai”, da buttare perchè non erano neanche più commestibili) … ma per questo ci spiegano tutto i nostri docenti dialettali Maria Somenzi e Bibe Reali. Guardare per credere

Siamo felici anche di aver appreso che in dialetto “sperà” non attiene solo alla speranza, ma assume anche il significato di intravedere qualcosa di un po’ celato e opaco, in cui la luce passa a fatica (da cui l’espressione “na spera dè sul” e cioè un raggio di sole che traspare a fatica da un cielo nuvoloso e viene da osservare che pure la speranza è un intravedere insicuro…).

Non resta che salutarci: alla prossima!

Mauro Belviolandi

PS: invito chi non fosse convinto dell’efficacia e della ricchezza della lingua dialettale a trovare l’equivalente italiano di “spera dè sul”, ma altrettanto sintetico ed efficace.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.