Qui non ci sono parole da aggiungere: ci pensa un poeta siciliano a rispondere, Ignazio Buttitta, in modo impareggiabile, con una composizione molto bella, profonda e struggente, e pure carica di una tristezza rassegnata, ma mai ostentata.

Lingua e dialetto.

Un popolo/ mettetelo a catene/ spogliatelo/ tappategli la bocca,/ è ancora libero.//

Toglietegli il lavoro/ il passaporto/ la tavola dove mangia/ il letto dove dorme,/ è ancora ricco.//

Un popolo,/ diventa povero e servo,/ quando gli rubano la lingua/ avuta in dote dai padri:/ è perduto per sempre.//

Diventa povero e servo,/ quando le parole non figliano parole/ e si divorano fra loro.//

Me ne accorgo ora/ mentre accordo la chitarra del dialetto/ che perde una corda al giorno.//

Mentre rammendo/ la tela tarlata/ tessuta dai nostri avi/ con lana di pecore siciliane.// 

E sono povero:/ ho i denari/ e non posso spenderli;/ i gioielli/ e non posso regalarli; / il canto,/ nella gabbia/ con le ali tagliate.//

Un povero,/ che poppa nel seno arido/ della madre putativa,/ che lo chiama figlio/ per ingiuria.//

Noi l’avevamo la madre,/ c’è stata rubata;/ aveva le mammelle a fontane di latte/ e ci bevvero tutti,/ ora ci sputano.//

A noi rimane la sua voce,/ la cadenza,/ la nota bassa/ del suono e del lamento: / questi non ce li possono rubare.//

Rimane la somiglianza,/ l’andatura,/ i gesti,/ i lampi negli occhi: /questi non ce li possono rubare.//

Non possono rubarceli,/ ma restiamo poveri/ e orfani lo stesso.//

LINGUA E DIALETTU

Un populu

mittitilu a catina

spugghiatilu

attuppatici a vucca,

è ancora libiru.

Livatici u travagghiu

u passaportu

a tavula unni mancia

u lettu unni dormi,

è ancora riccu.

Un populu,

diventa poviru e servu,

quannu ci arrobbanu a lingua

addutata di patri:

è persu pi sempri.

Diventa poviru e servu,

quannu i paroli non figghianu paroli

e si mancianu tra d’iddi.

Mi nn’addugno ora,

mentri accordu a chitarra du dialettu

ca perdi na corda lu jornu.

Mentri arripezzu

a tila camuluta

chi tisseru i nostri avi

cu lana di pecuri siciliani.

E sugnu poviru:

haiu i dinari

e non li pozzu spènniri;

i giuelli

e non li pozzu rigalari;

u cantu,

nta gaggia

cu l’ali tagghiati.

Un poviru,

c’addatta nte minni strippi

da matri putativa,

chi u chiama figghiu

pi nciuria.

Nuàtri l’avevamo a matri,

nni l’arrubbaru;

aveva i minni a funtani di latti

e ci vìppiru tutti,

ora ci sputanu.

Nni ristò a vuci d’idda,

a cadenza,

a nota vascia

du sonu e du lamentu:

chissi non nni ponnu rubari.

Nni ristò a summighianza,

l’annatura,

i gesti,

i lampi nta l’occhi:

chissi non nni ponnu rubari,

ma ristamu poviri

e orfani u stissu.

Ed anche a noi, “orfani lo stesso” di quelle “mammelle a fontane di latte“…. anche a noi “rimane la sua voce,/ la cadenza,/ la nota bassa/ del suono e del lamento: / questi non ce li possono rubare”... e “mentre accordo la chitarra del dialetto/ che perde una corda al giorno” continueremo lo stesso a strappare note dal nostro soncinese.

Alla prossima,

Mauro Belviolandi

TESSERAMENTO 2022: per un po’ ci permetteremo di ricordare, a chi apprezza le nostre iniziative, di provvedere a tesserarsi per il 2022 (basta cliccare in alto a destra sul richiamo al 2022, oppure contattare un qualunque componente del consiglio direttivo AdR). Grazie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.